Acquari e dintorni
Ciao, finalmente ci sei. Buon divertimento ;-)

Che acquariofilo sei?

Andare in basso

Che acquariofilo sei?

IL DOCUMENTARISTA
 
IL PICCOLO CHIMICO
 
LA CAPRICCIOSA DIVINITA' OLIMPICA
 
IL MAMMO O LA MAMMA
 
L'ESTETA VANITOSO
 
IL GIARDINIERE
 
ERODE INVOLONTARIO
 
L'AMANTE DELLE SFIDE
 
IL BIOTOPISTA
 
 
 
Guarda i risultati

Che acquariofilo sei?

Messaggio  Elisa il Ven Mag 06, 2011 1:26 pm

-IL DOCUMENTARISTA
Il suo è un acquario di comunità che ospita molte specie, per meglio osservarne le interazioni tra membri dei vari gruppi, sia in relazione al branco, sia ai pesci di diversa specie.
Passa le ore, in silenzio e totale immobilità, di fronte alla vasca annotando mentalmente o praticamente (con l'ausilio di una videocamera o di un taccuino) tutti i comportamenti ritenuti normali oppure anomali.
Si preoccupa spesso perché, ad esempio, il pesce X, che di solito preferisce nuotare in senso orario, a un certo punto sembra aver cambiato traiettoria senza alcuna spiegazione plausibile.
Preso com'è nell'osservazione etologica, a volte si scorda di fare altro: non va al lavoro o dimentica i pasti. Tende a considerare anche se stesso e chi lo circonda in un ottica tale per cui, anziché rapporti umani, lui -o lei- vede solo branchi, gerarchie, soggetti dominanti o sottomessi, parate nuziali e via dicendo.

-IL PICCOLO CHIMICO
Non fa che monitorare i valori dell'acqua e cercare di correggerli secondo i suoi parametri mentali. L'agognata perfezione è ben lontana e costui -o costei- impazzisce letteralmente nel vano tentativo di sistemare definitivamente le cose.
Test su test, kit e reagenti di ogni sorta, filtraggi con carbone, torba, zeolite, impacchi e infusi con foglie di ogni albero possibile, bagni concentrati con ogni genere di colorante medicamentoso al minimo manifestarsi di qualche sintomo nei pesci o nelle piante, contraddistinguono questo inquieto acquariofilo che ciclicamente finisce con l'assistere alla totale scomparsa di ogni forma di vita in vasca, senza mai comprendere il perché.

-LA CAPRICCIOSA DIVINITA' OLIMPICA
L'acquario è suo e lo gestisce come vuole. lui -o lei- è l'artefice del suo acquario. Ci mette dentro i pesci che vuole e non gli -le- importa affatto di presunti problemi di compatibilità, valori ottimali di ph e temperatura, esigenze ambientali di biotopo e di arredo... quante storie!
I suoi pesci vivranno benissimo anche così.
Il litraggio sarà pure insufficiente, la durezza dell'acqua totalmente inadeguata, i pesci troppi e i cambi d'acqua nulli, visto che non ha voglia di sbattersi con secchi e tubi...
eppure, quando legge sul forum di esperienze negative capitate ad acquariofili scrupolosissimi, che così attentamente avevano cercato di garantire il meglio per i propri pesci, questo acquariofilo interverrà orgogliosamente sottolineando che i suoi pesci, così bistrattati, campano alla grande, e si convincerà che, in acquariofilia, meno ci si preoccupa meglio è.
Senonché, arriva inesorabile il giorno in cui i suoi pesci si ammalano e muoiono. Che cosa fa allora l'acquarista-divinità?
Conclude con una scrollata di spalle che: o i pesci si decidono ad adattarsi al suo acquario oppure peggio per loro! e ne va a comprare altri.

-IL MAMMO O LA MAMMA
Ha una enorme vasca al centro del salotto che a prima vista sembra disabitata, ma a ben vedere si scorgono due pesciotti grassocci che navigano indisturbati: si chiamano Titti e Tato.
Non ne ha altri e non si sogna nemmeno di prendergli altri "fratellini", che poverini hanno già così poco spazio (400 litri in due)!
Ma per l'anno prossimo programma di far buttare giù la parete del bagnetto e, al posto dello studio, far costruire una vasca di circa 20 metri quadri.
Le piante nella vasca sono poche perché i bimbi devono avere spazio per giocare. Ogni tanto i discoli riarredano l'acquario a proprio piacimento, disfacendo tutto ciò che il mammo ha pazientemente sistemato; ciò non fa che intenerirlo: come sono allegri e vivaci!
Costui chiama l'acquario "casetta", e ciba i suoi bimbi pinnuti con pappine omogeneizzate fatte in casa, controllando di continuo che facciano la cacchina giusta.
Spesso sospira di fronte alla vasca e si commuove perché gli è parso che Titti e Tato gli abbiano strizzato l'occhio o lanciato un bacino.
All'apparire dei primi sintomi strani, il mammo (o la mamma) va in paranoia totale. Quei due colpetti di tosse saranno mica l'inizio di una brutta bronchite? Avranno male al pancino? Sarà morbillo quella macchiettina rossa?!

-L'ESTETA VANITOSO
E' colui che mette la vasca in posizione strategica, in modo che chiunque entri in casa sua veda, prima della faccia di chi apre la porta, la vasca in bella mostra.
L'esteta accende le luci della vasca a qualsiasi ora purchè ci siano ospiti ad ammirare i pesci.
Inserisce in vasca solo pesci colorati e pregiati, possibilmente pescati direttamente da se stesso in qualche rio amazzonico.
Se ne frega delle incompatibilità, basta che l'accostamento dei colori sia bello.
Compra 30 pulitori la sera prima della cena, per toglierli un ora prima dell'arrivo degli ospiti.

-IL GIARDINIERE
A prima vista non sembra, ma quella giungla bonsai allagata dietro i vetri è in realtà un acquario.
Alcune piante svettano per più di un metro fuori dall'acqua e fioriscono con brattee più grosse di un grappolo di gladioli. Non si scorge un'alga, né una foglietta marcia...
il giardiniere passa tutto il suo tempo a concimare, rimirare le sue piante e controllare che l'erogazione di CO2 funzioni perfettamente.
Effettivamente non ricorda quanti e quali pesci siano presenti in vasca... ce li ha messi una decina di anni prima, giusto per garantire una concimazione organica alle sue amate piantine... ne ricorda vagamente la forma ma potevano essere tanto platy quanto rasbore...boh! E poi sicuramente c'è dentro un qualche pulitore: ricorda di averlo inserito giusto per lavare i vetri e garantirgli la visibilità delle piante.
Senonché, il giardiniere possiede una caratteristica diciamo "anatomica" tipica di questa categoria, denominata, appunto, il Cu** del giardiniere: capita, infatti, che mentre pota le piante (lo fa raramente perché gli piange il cuore a mutilare le sue amate) scopra, con sua somma sorpresa, ben tre nuove generazioni di corydoras riprodottisi felicemente senza che lui -o lei- se ne avvedesse, nonché la comparsa, con successiva riproduzione, di peculiarissime forme di vita e bizzarre rarità scientifiche introdotte sicuramente anni prima con l'acquisto di qualche piantina.

-ERODE INVOLONTARIO
La strage degli innocenti si rinnova nelle sue vasche senza che lui -o lei- ne capisca mai il perché. Non si dà pace, non si spiega come possa accadere... sta di fatto che, da quando ha iniziato con l'hobby, avrà visto più pesci morti questo tipo di acquariofilo che un tonnaro che per 30 anni abbia praticato la mattanza tutti i giorni della sua vita.
Ama i pesci e fa di tutto per garantirne il benessere, eppure loro lo ripagano sempre così: morendo.
E' sul punto di convincersi di essere impestato da qualche orrenda jattura.
A ben vedere, questo tipo di acquariofilo ha molta buona volontà ma tende a fare un po' di confusione.
Ogni tanto, credendo di far bene, decide di lavare i legni dell'acquario con la cera per mobili, o gli vengono idee originali, tipo concimare con la Coca Cola per immettere in vasca CO2.
Nel filtro ha messo cannolicchi, sì, ma non quelli di ceramica, bensì i frutti di mare... per sbaglio ha comprato una lampada abbronzante al posto della plafoniera per acquari e una volta ha aspirato tutti i pesci sifonando e li ha gettati nel WC senza accorgersene.

-L'AMANTE DELLE SFIDE
Quello che sceglie solo ed esclusivamente i pesci e le piante + difficili da far sopravvivere, ben sapendo che ad esempio quella specie di pesce si è riprodotta in un acquario cittadino tedesco solo una volta negli ultimi 350 anni, e in una vasca da 1000 litri netti, ma lui niente... insiste indomito, ben sapendo che alla lunga la sua insistenza sarà premiata.

- IL BIOTOPISTA
Colui che per arrivare ad avere un pezzo di natura reale in casa passa le serate su internet in cerca di fotografie subacquee per ricostruire biotopi di mangrovieti, fiumi amazzonici nei periodi delle piogge e di secca, la risaia cinese e quella piemontese, di fangose pozze africane... arriva ad immergersi nei fiumi vicino a casa, passando per pazzo, per vedere "com'è sotto".
La ricostruzione di qualsiasi biotopo è una sfida per lui!
E guarda con sdegno le anforette in vendita nei negozi, a meno che non ci sia da ricostruire un sito Pompeiano sommerso dalle acque!

Elisa
Banned

Messaggi : 308
Data d'iscrizione : 05.03.11
Età : 29
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

Re: Che acquariofilo sei?

Messaggio  lucatlb il Lun Mag 16, 2011 10:37 pm

scusa elisa ma come si fa per votare???? Embarassed Embarassed Embarassed

lucatlb

Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 19.04.11
Età : 32
Località : chieti

Torna in alto Andare in basso

Re: Che acquariofilo sei?

Messaggio  Elisa il Lun Mag 16, 2011 11:04 pm

Dovresti poter cliccare su una o più voci però io ricordo di avergli messo la scadenza a 10 giorni (che credo esser passati) quindi forse si è chiuso. Sentiamo Renato!

Elisa
Banned

Messaggi : 308
Data d'iscrizione : 05.03.11
Età : 29
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

Re: Che acquariofilo sei?

Messaggio  Renato il Mar Mag 17, 2011 7:20 am

Ora il sondaggio e' di nuovo aperto. Per votare basta cliccare sul quadratino di una delle voci e poi sul tasto "invia il tuo voto". Dopo che si e' votati, e collegandosi di nuovo con l'argomento, il programma mostrera' solo la tabella dei risultati in corso. Cio' per evitare che un'utente voti piu' di una volta. Questa regola (di buon senso) riguarda tanto gli utenti registrati che gli ospiti: quest'ultimi infatti possono votare anche senza effettuare alcuna registrazione. Grazie per la Vostra cortese attenzione e grazie anche a lucatlb per il suo voto Wink

avatar
Renato
Admin

Messaggi : 373
Data d'iscrizione : 31.12.09
Età : 53
Località : Chieti, Italia

Torna in alto Andare in basso

Re: Che acquariofilo sei?

Messaggio  Elisa il Mar Mag 17, 2011 11:51 am

Vedi, Renato è il Re Mida del Forum!
Ahhhh, la percentuale de "La mamma" sta scendendo! Sono l'unica chioccia? Razz

Elisa
Banned

Messaggi : 308
Data d'iscrizione : 05.03.11
Età : 29
Località : Pisa

Torna in alto Andare in basso

Re: Che acquariofilo sei?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum